Home Parquet

Lauro Floor

Parquet
Indice
Parquet
Listoni di Massello
Listelli di Massello
Parquet Prefinito
Finitura
Comportamento
Tutte le pagine

 

Parquet Lauro Floor

 

Il calore e l'eleganza del legno, per ambienti di prestigio e per chi non rinuncia alla bellezza della natura e all'ecologia.

 

Prova la facilità di posa del parquet flottante con incastro a rotazione. Scegli tra la vasta gamma di essenze e colori, tra le finiture ecologiche quella più adatta agli ambienti domestici, in particolare per le camerette dei bambini, quella indicata per gli uffici e showroom, tutte disponibili nelle varianti a plancia intera e 3 strips. Finitura 7 strati di vernice ecologica naturale o ad olio  naturale  e colorato. 


Il parquet è una pavimentazione composta dall'assemblaggio di singoli elementi di legno con spessore minimo di millimetri 8 prima della posa.

 

Si distingue per:

  • tipo di legno (rovere, doùssie,ulivo,iroko,teak,ecc.)
  • tipo di posa (a correre, a tolda di nave, a lisca di pesce etc. ),
  • qualità (definita in base alla direzione della fibratura ed alla presenza di difetti quali stonalizzazione, nodi, fori di insetti etc.),
  • dimensioni delle liste

Oltre ai pavimenti tradizionali in legno massiccio monostrato sono disponibili sul mercato i cosiddetti pavimenti multistrato prefiniti (pre-verniciati,pre-oliati,ecc.) composti da uno strato superiore in legno nobile (minimo 2,5 mm) incollato su un supporto in legno dolce che può essere in multistrato o lamellare.

 

Legni nobili comunemente usati sono: rovere, doussiè, wenge, olivo, noce, iroko, teak, merbau.

 

Il parquet può essere posato a terra incollato (colle viniliche o bi-componenti), inchiodato (nella tipologia "listoni") o galleggiante.

 

 I legni scuri o rossastri (dal teak fino all'ebano, passando per il mogano, il rovere rosso, il wengè, l'ebano, ecc.) sono per lo più adatti ad ambientazioni classiche o addirittura d'epoca. I legni chiari, al contrario, (olmo, frassino, rovere, pino, faggio, fino al ciliegio) vanno bene se lo stile è moderno, oppure se la metratura è ridotta e i locali poco luminosi.


Inoltre:

 

- tutte le essenze tendono a scurirsi, ad eccezione del teak, che invece schiarisce;
- essenze come l'iroko, il doussiè, il wengè e il merbau contengono alcuni agglomerati minerali di colore bianco giallastro nella loro fibra che diventano più evidenti con il processo di ossidazione;
-
il doussiè in particolare si ossida in maniera disomogenea e per questo gli elementi possono risultare di sfumature leggermente differenti fra di loro;
- nel faggio e nel rovere si formano striature lucide definite "specchiature";
- legni come il cabreuva, l'olivo, il larice e così via presentano venature molto evidenti e permettono di creare disegni che mettono in risalto i loro affascinanti cromatismi.

 

Il parquet può essere a Listoni di Massello, Listelli di Massello o Prefinito.



Listoni di Massello

Listoni di Massello inchiodati
Si tratta di liste di legno massiccio di spessore consistente (almeno 12 mm) e di lunghezza (dai 60 ai 140 -160 cm) e larghezza variabili (dai 10-15 cm). Presentano un incastro “maschio/femmina”.

La posa tradizionale consiste nel preparare un sottofondo in cemento, dove vengono "annegati" dei magatelli (altri pezzetti di legno). Quando il massetto è perfettamente asciutto, il listone è inchiodato ai sottostanti pezzetti di legno, nascondendo i chiodi utilizzati nella parte scavata della lista (femmina). Posando ulteriori listoni ad incastro, i legni si affiancheranno senza far notare i chiodi di fissaggio.

Nella posa possono essere usati listoni con lunghezze diverse.
Successivamente è necessaria una levigatura, che rende uniforme la superficie, tolgliendo quei piccoli gradini (massimo 1 mm) che si potrebbero essere formati nella posa.

Si passa poi alla stuccatura e alla sigillatura e per ultimo alla finitura prescelta (vernice, cera, olio).



Listelli di Massello

Listelli di Massello incollati

Si tratta di liste di legno massiccio di spessore inferiore a quello dei listoni (10 mm), di lunghezza variabile (dai 20 ai 40-50 cm.) e di larghezza dai 5 agli 8 cm.

Vengono incollati al sottofondo precedentemente trattato, mediante colle “a due componenti”, che garantiscono una “presa” più sicura in caso vengano mantenuti vecchi pavimenti (marmo, ceramica) come base di appoggio.

Anche in questo caso, sarà necessaria una levigatura, che renda uniforme la superficie, ovvero tolga quei piccoli gradini (massimo 1 mm) che potrebbero essersi formati nella posa. Si passerà poi alla stuccatura e sigillatura, e per ultimo alla finitura (vernice, cera, olio).





Parquet Prefinito

Parquet PrefinitoOltre ai pavimenti tradizionali in legno massiccio monostrato sono sul mercato i cosiddetti pavimenti multistrato prefiniti, composti da uno strato superiore in legno nobile con spessore superiore ai 2,5 mm,  già pronto all’uso perché precedentemente levigato, trattato e verniciato (operazioni eseguite in fabbrica).


La parte inferiore di supporto è invece di legno “povero”, posizionata in modo che le fibre siano perpendicolari o trasversali rispetto alla parte superiore, migliorando così la tenuta del pavimento.

Dopo aver steso un foglio di materiale isolante, i legni vengono posati su un piano livellato. Solo gli incastri perimetrali vengono incollati con colla vinilica. Si otterrà così un pavimento galleggiante, con l’accortezza di lasciare qualche millimatro tra il parquet e le pareti perimetrali (mascherati poi dal battiscopa), per consentire eventuali assestamenti.

Come detto, non necessita di levigatura e verniciatura, per cui è molto pratico in caso di locali o appartamenti abitati.

Legni nobili comunemente usati sono: rovere, doussié, wengé, olivo, noce, iroko, teak, merbau, afrormosia, faggio. In quanto pre-finiti in laboratorio (e non in opera) si prestano a finiture particolari quali colorazioni tramite pigmenti, decappature (cioè colorazioni a pigmenti in contrasto tra la fibra e la base del legno), spazzolatura della fibra (la quale conferisce effetto ruvido;è il contrario della levigatura), microbisellatura dei lati della tavola (spigoli smussati e non vivi), piallature a mano, spigoli spaccati sui vari lati della tavola, piano sega (la superficie della tavola presenta seghetteture trasversali rispetto all'andamento della venatura), thermotrattamenti (lasciato essicare per x tempo a x temperatura il legno nobile cambia tono di colore scurendo in tutto lo spessore). Il trattamento finale può essere ad olio o vernice.La finitura ad olio (quelli vegetali hanno residui tossici quasi nulli) richiede una manutenzione costante e non è idrorepellente nel primo periodo di vita (un anno circa con manutenzione corretta) quindi è soggetto ad aloni ma conferisce l'aspetto più naturale. Le vernici sono di più facile manutenzione.


Finitura 

Se avete deciso per un parquet prefinito, l’impegno è ridotto al minimo.

 

Parquet Lauro FloorPer quanto riguarda la finitura, il risultato a opera terminata è quello che vi è stato presentato sul listello al momento dell’acquisto. Per la manutenzione, basta semplicemente passare un panno umido sulle superfici, con l’eventuale aggiunta di prodotti specifici. 
 

Se invece la vostra scelta è stata per un parquet che richiede lamatura e successiva finitura, le possibilità variano: 

 

Verniciatura
La verniciatura è la finitura più frequente: deve essere effettuata da personale specializzato, in totale assenza di polvere, meglio se prima di aver montato porte e battiscopa (zoccolino).
L’ aspetto finale del pavimento può essere lucido, semilucido o opaco, in base al tipo di vernice utilizzata. Generalmente ne vengono stese tre mani, lasciando asciugare bene il prodotto tra una mano e quella successiva.
Oltre alla tradizionale “poliuretanica” che presenta uno sgradevole odore in fase di posa, esistono in commercio anche tipi di vernici “ecologiche” all’acqua. La manutenzione, semplicissima, è identica a quella già descritta per il prefinito.

 
A cera
La finitura “a cera” conferisce al pavimento un aspetto naturale, lasciando respirare il legno, ma richiede un maggior impegno per quanto riguarda la manutenzione. Il trattamento di stesura e lucidatura del prodotto, infatti, deve essere frequente, richiede più tempo ed è più delicata.
 
A olio
 

La finitura “a olio” valorizza la bellezza del legno.
Il pavimento viene trattato con speciali olii, che daranno un aspetto finale particolare (opaco, non lucido) al vostro pavimento.
Anche in questo caso è bene che il lavoro venga eseguito da personale specializzato, per il corretto uso nella posa del prodotto.
La manutenzione è meno impegnativa rispetto alla cera, con una maggior facilità di pulizia delle superfici.

 


Comportamento 

Parquet Lauro Floor e Poster National Geographic Sparkling LightIl parquet una volta esposto alla luce e all'aria, a pavimento finito, inizia un processo di ossidazione che lo porta a cambiare colore (tipicamente ma non esclusivamente, scurendosi) e rendere più omogenee le sue venature (tipico comportamento del Teak Asia). Questo processo varia per velocità ed intensità in riguardo alla specie legnosa (normalmente i legni esotici ossidano di più), alla quantità di luce a cui viene esposto, e alla finitura applicata (diversi tipi di vernici possono dare sia risalto al colore e all'ossidazione che limitarlo molto), e sebbene visibile in modo evidente nei primi mesi di vita del pavimento, può proseguire via via più lentamente anche per svariati anni. Il parquet è un materiale sempre vivo e quindi risente degli sbalzi di umidità estate/inverno tipici delle abitazioni moderne.In condizioni di scarsa umidità le tavolette si restringono leggermente portando a fessurazioni della pavimentazione, che poi lentamente si richiudono al ritorno in condizioni di umidità normale. Condizioni di umidità eccessiva (condensa, perdite d'acqua o infiltrazioni anche leggere ma continuative, cattiva manutenzione) portano le tavolette a imbibirsi ed allargarsi, fino ad arrivare a spingere e sollevarsi dal sottofondo, strappandolo, o, per essenze particolarmente nervose (quali tipicamente legni sudamericani) in casi eccezionali addirittura a danneggiare i tavolati del locale.

 

 

 

 

 
Banner
Copyright © 2019 Lauro Parati snc - Tutti i diritti riservati
Lauro Parati Lauro Colori Lauro Floor
 

Poster

q322_small.jpg

Affreschi

TL18005min.jpg

Area Riservata